• Mirco

Empatia con il prodotto

Quando si pensa ad un prodotto, si pensa ad una soluzione ad un problema ed è qui che si entra in quel processo evolutivo che porta all’innovazione. Il “prodotto” non è mai fine a sé stesso, è appunto un prodotto, cioè un oggetto, un servizio o un sistema figlio di un percorso mentale che è scaturito dal bisogno di una soluzione. Il prodotto è sostanzialmente la soluzione di un problema. Ragionare in termini più semplicistici e considerare il prodotto solo un oggetto commerciale da vendere, indipendentemente dal processo creativo ed innovativo che lo ha portato a nascere e ad arrivare sul mercato non produce qualità.



Per noi la qualità di un prodotto è intrinseca della nostra natura aziendale, è un rapporto empatico con il problema che necessariamente, costi quel che costi, produce una soluzione in linea con i valori espressi dal nostro brand. Non esistono compromessi alla qualità per noi perché usciremmo dai nostri binari sistemici e tradiremmo la nostra volontà evolutiva che tutti i giorni si misura con i problemi dei clienti e con le soluzioni che siamo in grado di proporre.

E’ certamente un processo complesso e difficile da governare ma entusiasmante. E’ un processo che porta a determinare un valore profondo di qualità come fosse un design creativo ma estremamente concreto e reale.


Cercare la qualità sempre e comunque, è una prova continua, a volte estenuante quando la soluzione tarda ad arrivare, ma vincente a lungo andare. Non ci arrendiamo mai e se mai lo facessimo, ci stupiremmo di noi stessi.
Noi non produciamo “prodotti” ma proponiamo soluzioni e questa volontà nasce dal rapporto empatico che riusciamo a costruire con il prodotto stesso perchè, in un prodotto, la qualità, non è ciò che ci si mette dentro ma ciò che il cliente ne ricava!!!

Visita i nostri PRODOTTI



#falegnameria #creativa #design #legno #sensibilità #multitasking


32 visualizzazioni
Bravate Artigiane
Via Sartori 116/1
31053 - Pieve di Soligo (TV)

+39 0438 980452

info@bravateartigiane.com

© 2019 by Mirco Zaccaron.